Laboratorio Residenziale Modulo Base: Essere o Non Essere (26 crediti ECM), 26-29 novembre 2020

Laboratorio Residenziale di Infermieristica Teatrale (26 crediti ECM)
Modulo Base: Essere o Non Essere
Dal 26 al 29 novembre 2020 a
Melara (RO)

*La residenza è aperta a tutte le persone interessate e accreditata per tutte le professioni sanitarie (elenco).

Il bello e il brutto, il letterale e il metaforico, il sano e il folle, il comico e il serio…
perfino l’amore e l’odio, sono tutti temi che oggi la scienza evita.
Ma tra pochi anni, quando la spaccatura fra i problemi della mente e i problemi della natura cesserà di essere un fattore determinante di ciò su cui è impossibile riflettere,
essi diventeranno accessibili al pensiero formale.

(Gregory Bateson 1904 – 1980)

Venti persone, una residenza, tre giorni e tre notti tra laboratori, teatro, uno spettacolo e una cena con la comunità locale. Un viaggio dentro l’Assistenza, il Teatro, l’Arte, la Filosofia, la Cultura e l’Infermieristica Teatrale: l’Arte individuale di Comunicare, di Curare e del Prendersi Cura.

Continua a leggere

Grazie

Oggi, giorno in cui sarebbe dovuto iniziare il nostro Laboratorio Residenziale di Infermieristica Teatrale, vogliamo dire grazie a tutte le persone che si prendono cura della nostra vita negli ospedali, negli ambulatori e nel territorio, e a tutte quelle persone che si prendono cura della nostra vita chiusa in casa, da chi svuota i cassonetti dell’immondizia a chi tiene aperta la bottega sotto casa, da chi ci assicura il riscaldamento a chi ci assicura l’informazione.
Quando, un giorno, questa emergenza finirà, torneremo a fare quello in cui crediamo da quindici anni: prenderci cura di chi si prende cura.
Per questo motivo, non abbiamo annullato il nostro evento formativo, ma lo abbiamo semplicemente rimandato a fine novembre di quest’anno, dal 26 al 29.
Un enorme abbraccio da tutto il gruppo e ancora grazie.
E, ovviamente, adesso più che mai, buona Arte Assistenziale.

Noi non possiamo, ma voi restate a casa

Il gruppo di Infermieristica Teatrale è vicino a tutte le persone che lavorano e che assistono, ma anche a quelle “non addette ai lavori”.
E scriviamo proprio per rivolgerci a quest’ultime.

La straordinarietà dell’evento porta inevitabilmente misure sanitarie straordinarie.
Allora cogliamo l’occasione, anche se non desiderata, per dedicare tempo a noi in casa.
Tempo per riposare, per rimettere ordine ai pensieri e perché no, magari anche un po’ ordine alla nostra stessa casa.
Tempo per leggere, guardare dei video, ascoltare musica, giocare o studiare.
Tempo per cucinare e ovviamente per mangiare.
Tempo per gustarsi un buon bicchiere di vino, di birra o degustibus.
Tempo per annoiarsi, perdersi nei pensieri, nelle riflessioni e nei sogni.
Tempo per guardare fuori dalla finestra e abbracciare il mondo.
Tempo per un bel esame di coscienza e per prepararsi a quando potremo uscire di nuovo con un nuovo noi, una versione aggiornata e migliore.
Da parte nostra, divisi in 5 comuni di quattro regioni diverse (Bergamo, Bologna, Pescara, Torino e Vercelli), un grande abbraccio virtuale con il sorriso.
Buon tempo a tutte voi e buona Arte Assistenziale a chi non rimane a casa per fare ciò che fa da sempre, il proprio lavoro. Assistere.

Link utili
Norme igienico-sanitarie:
Raccomandazioni Ministero della Salute
Raccomandazioni Ordine delle Professioni Infermieristiche
“Io resto a casa”:
Decreto Legge “Io resto a casa”
Ordine delle professioni Infermieristiche

Laboratori 2020

Laboratorio “Sorriso come Mission” di Infermieristica Teatrale per il gruppo 2 di 2 dell’UOC Malattie Infettive di Arezzo, Grosseto e Siena.
L'immagine può contenere: 24 persone, persone sedute e spazio al chiuso
Laboratorio Base di Infermieristica Teatrale per il gruppo 2 di 2 dell’UOC Malattie Infettive di Arezzo, Grosseto e Siena.
L'immagine può contenere: 14 persone, persone in piedi
Laboratorio “Sorriso come Mission” di Infermieristica Teatrale per il gruppo 1 di 2 dell’UOC Malattie Infettive di Arezzo, Grosseto e Siena.
L'immagine può contenere: 38 persone, persone sedute e spazio al chiuso
Laboratorio Base di Infermieristica Teatrale per il gruppo 1 di 2 dell’UOC Malattie Infettive di Arezzo, Grosseto e Siena. Abbiamo conosciuto un gruppo di belle persone e allo stesso tempo un bel gruppo di lavoro sovraccaricato eccezionalmente da questo periodo. Felici ed onorati di aver potuto contribuire alla vostra splendida arte assistenziale. Un abbraccio grandissimo pieno di gratitudine!
L'immagine può contenere: 42 persone, persone sedute
Laboratorio Base di Infermieristica Teatrale al Master in Cure Palliative dell’Università di Parma, 21 gennaio 2020
L'immagine può contenere: 5 persone, persone in piedi e scarpe
Laboratorio Base di Infermieristica Teatrale al gruppo 2 di 2 del Master in Area Critica dell’Università di Parma, 10 gennaio 2020
L'immagine può contenere: 8 persone, persone in piedi, strisce e spazio al chiuso
Laboratorio Base di Infermieristica Teatrale al gruppo 1 di 2 del Master in Area Critica dell’Università di Parma, 9 gennaio 2020
L'immagine può contenere: 10 persone, persone in piedi e persone sedute

Laboratorio Residenziale Modulo Base: Essere o Non Essere (26 crediti ECM), 26-29 marzo 2020

Laboratorio Residenziale di Infermieristica Teatrale (26 crediti ECM)
Modulo Base: Essere o Non Essere
Dal 26 al 29 marzo 2020 a
Melara (RO)

*La residenza è aperta a tutte le persone interessate e accreditata per tutte le professioni sanitarie (elenco).

Il bello e il brutto, il letterale e il metaforico, il sano e il folle, il comico e il serio…
perfino l’amore e l’odio, sono tutti temi che oggi la scienza evita.
Ma tra pochi anni, quando la spaccatura fra i problemi della mente e i problemi della natura cesserà di essere un fattore determinante di ciò su cui è impossibile riflettere,
essi diventeranno accessibili al pensiero formale.

(Gregory Bateson 1904 – 1980)

Venti persone, una residenza, tre giorni e tre notti tra laboratori, teatro, uno spettacolo e una cena con la comunità locale. Un viaggio dentro l’Assistenza, il Teatro, l’Arte, la Filosofia, la Cultura e l’Infermieristica Teatrale: l’Arte individuale di Comunicare, di Curare e del Prendersi Cura.

Continua a leggere

Laboratori 2019

25 novembre: Laboratorio di Infermieristica Teatrale per le studentesse del progetto OPS della facoltà di Sociologia, di Psicologia e di Scienze dell’Educazione dell’Università di Bologna.

15 ottobre 2019: Laboratorio Base per il Master di I livello in “Case/Care Management in ospedale e sul territorio per le professioni sanitarie”, Dipartimento Medicina e Chirurgia, Università di Parma. 

Laboratorio Residenziale Modulo Base: Essere o Non Essere (26 crediti ECM), 21-24 novembre 2019

Laboratorio Residenziale di Infermieristica Teatrale (26 crediti ECM)
Modulo Base: Essere o Non Essere
Dal 21 al 24 novembre 2019 a
Melara (RO)

*La residenza è aperta a tutte le persone interessate e accreditata per tutte le professioni sanitarie (elenco).

Il bello e il brutto, il letterale e il metaforico, il sano e il folle, il comico e il serio…
perfino l’amore e l’odio, sono tutti temi che oggi la scienza evita.
Ma tra pochi anni, quando la spaccatura fra i problemi della mente e i problemi della natura cesserà di essere un fattore determinante di ciò su cui è impossibile riflettere,
essi diventeranno accessibili al pensiero formale.

(Gregory Bateson 1904 – 1980)

Venti persone, una residenza, tre giorni e tre notti tra laboratori, teatro, uno spettacolo e una cena con la comunità locale. Un viaggio dentro l’Assistenza, il Teatro, l’Arte, la Filosofia, la Cultura e l’Infermieristica Teatrale: l’Arte individuale di Comunicare, di Curare e del Prendersi Cura.

Continua a leggere

Report Residenza Modulo Base marzo 2019

Come è andata?

Come ogni anno lasciamo la parola a chi ha partecipato. Noi facciamo solo una piccola premessa: Grazie a tutte!

Continua a leggere

Foto Residenza “Modulo Base” marzo 2019

Melara accoglie a braccia aperte, e a piatti succulenti, la Residenza

Continua a leggere

Resoconto di Stefano sulla Residenza dello scorso novembre

Lo scaldotto fatto dalle mani di Renata, regalato a tutte le persone partecipanti alla Residenza Modulo Uno dello scorso novembre

Stefano ha partecipato alla Residenza Modulo Base nel 2016 e al Modulo Uno lo scorso novembre. Queste sono le sue parole a distanza di un paio di mesi, che ci godiamo in attesa della prossima residenza base di marzo prossimo. (Ultimi posti ancora disponibili!).
A lui va il nostro grazie, in ultimo per le sue parole, ma soprattutto per la persona che è, ancor prima del professionista.
E come sempre, buona arte assistenziale.

“Sei lì, a inizio turno, ti prepari alla battaglia: ripassi i buoni propositi verso i colleghi, il codice deontologico e quello penale, le percentuali delle sacche da infondere – apri la porta dello spogliatoio e invece del solito corridoio: un palcoscenico. Stretto come un letto, grande come una piazza. Davanti, un sacco di gente (chissà se hanno pagato un biglietto). Ma che gli dico? Che faccio, adesso?
Allora, mentre respiri, ricordi: ricordi quando al laboratorio di Infermieristica teatrale hai improvvisato; dovevi raccontare una favola, una favola che tutti sapevano, ma la tua no, la tua versione della favola nessuno l’aveva ancora ascoltata, prima e ultima occasione. Se non lo faccio io, ora, sarà persa per sempre. Poi ti muovi, quasi con ritmo, come nel ballo che hai fatto con S.; imiti te stesso, come facevi con D.; ti senti addosso i miti greci attraversati nel laboratorio: da figurine incise sui libri, Dioniso e Orfeo ora sai di averli dentro. Hai toccato con una mano Bologna e con l’altra l’Afghanistan; hai riso con gli altri al primo sguardo e imparato a stare nel tuo corpo davanti al corpo di altri, muoverti tra i meccanismi del potere (scegli sempre tu da che parte stare) e capire se ce la fai, in questa tua arte/lavoro/professione/mestiere di infermiere, a metterci il fiato e non solo parole. E mentre pensi a tutto questo, a questo misto tra essere moltitudine di possibilità ed essere più solo di quando sei solo (responsabile di te stesso attore), ecco, ti trovi già nel mezzo di un clistere e ricordi, azz! di non avere marcato il cartellino! Ma questa cosa, in fondo, non è così importante…”