Residenza IT 30 Marzo – 2 Aprile 2017. Com’è andata?

Dopo una lunga cura e convalescenza del nostro sito, causa attacco informatico e virale, eccoci qui, finalmente, a parlare della Residenza fatta a inizio primavera scorsa. Continua a leggere

Laboratorio Residenziale di Infermieristica Teatrale (26 Crediti ECM): Essere o Non Essere, Modulo Base, 30 Marzo – 2 Aprile 2017

Laboratorio Residenziale di Infermieristica Teatrale (26 crediti ECM): Modulo Base
30 Marzo – 2 Aprile 2017

Base Scout Regionale Santo Stefano, Melara (RO)

slide4

Venti persone (25 professioni sanitarie accreditate), una residenza, tre giorni e tre notti tra laboratori, teatro, uno spettacolo e una cena con la comunità locale. Un viaggio dentro l’Assistenza, il Teatro, l’Arte, la Filosofia, la Cultura e L’Infermieristica Teatrale:
“La corsia, il palco magico dove solo le comparse diventano protagoniste:
l’Arte individuale di Comunicare, di Curare e del Prendersi Cura”

Assistenza, Teatro, Arte, Filosofia e Cultura?
Tutto insieme?

Continua a leggere

Laboratorio Residenziale di Infermieristica Teatrale (26,3 Crediti ECM): Essere o Non Essere, Modulo Base, 20-23 Ottobre 2016

Laboratorio Residenziale di Infermieristica Teatrale (26 crediti ECM): Modulo Base
14-17 Aprile 2016

Ex Convento delle Clarisse
Caramanico Terme (PE)

Ex Convento delle Clarisse

Venti persone (25 professioni sanitarie accreditate), una Residenza, quattro giorni e tre notti tra laboratori, uno spettacolo e un concerto. Un viaggio dentro l’Assistenza, il Teatro, l’Arte, la Filosofia, la Cultura e L’Infermieristica Teatrale:
“La corsia, il palco magico dove solo le comparse diventano protagoniste:
l’Arte individuale di Comunicare, di Curare e del Prendersi Cura”

Assistenza, Teatro, Arte, Filosofia e Cultura?
Tutto insieme?

Continua a leggere

Laboratorio Residenziale di Infermieristica Teatrale: Modulo Base (Aprile 2016). Com’è andata?

Laboratorio Residenziale di Infermieristica Teatrale: Modulo Base (Aprile 2016). Com'è andata.

A distanza di un mese, eccoci qui, a parlare della Residenza di Aprile.
E come iniziare se non subito con un bel grazie, un grazie enorme a tutto il gruppo: 70 ore abbondanti, vissute intensamente tra Laboratori, pause, mangiate collettive, chiacchiere, sveglie con gli abbracci e ogni tanto, anche dormire, un po’, ma non troppo. In 70 ore si è creato un amalgama umano, professionale e artistico che ha portato a dieci minuti di palco spettacolare.
Ovvio, noi siamo felici e contenti, ma per evitare di cantarcela da soli, stiamo zitti e vi lasciamo alle parole di Giulia, collega fisioterapista, che ovviamente abbracciamo e ringraziamo.

Mi avete chiesto di scrivervi cosa fosse per stata per me questa esperienza, ebbene tenterò questo arduo compito prima che la frenesia porti via le emozioni e io non debba andarle a cercare nei ricordi, ma possa sentirle ancora addosso.

Continua a leggere

We’ll never work alone – Buon 2016!

InfermieristicaTeatrale: We'll never work alone

Prima che l’Epifania si porti tutte le feste via, noi ci fermiamo un attimo per il solito bilancio.
Il nostro 2015 è stato caratterizzato, oltre che dalla nostra attività tradizionale, da quattro eventi extra-ordinari: il decimo compleanno, la prima residenza accreditata, il secondo libro di natura infermieristica e la prima tesi di ricerca sui nostri dati raccolti in questa decade fatta da Gaia Della Rosa, una studentessa di Infermieristica di Firenze (ancora grazie Gaia!).
E per il 2016?
Continueremo ovviamente con tutte le attività quotidiane (laboratori, congressi, giornate formative…), ad aprile faremo la Residenza di tre giorni, accreditata (le iscrizioni sono aperte fino al 14 Febbraio. Qui tutte le info) e una canzone sull’arte infermieristica, ancora in fase creativa.
Infine, la solita utopia, far entrare il teatro ovunque, a partire dal nostro luogo più caro, l’anima della persona che assiste.
Alcune tifoserie, per incitare la propria squadra cantarno “You’ll never walk alone”, che tradotto letteralmente vuol dire “Non camminerete mai da soli” e che noi interpretiamo “Non sarete mai soli”, per cui lo abbiamo fatto anche nostro con una leggera modifica, per licenza poetica: “We’ll never work alone” ovvero un modo per ricordarci che anche nei momenti di sconforto in cui al lavoro ci sentiamo soli, in realtà, non lo siamo mai.
Buon 2016

Laboratorio Residenziale di Infermieristica Teatrale (26,3 Crediti ECM): Modulo Base. 14-17 Aprile 2016

Laboratorio Residenziale di Infermieristica Teatrale (26 crediti ECM): Modulo Base

ResidenzaInfermieristica TeatraleAprile2016
14-17 Aprile 2016

Ex Convento delle Clarisse
Caramanico Terme (PE)

Ex Convento delle Clarisse

Venti persone (25 professioni sanitarie accreditate), una Residenza, quattro giorni e tre notti tra laboratori, uno spettacolo e un concerto. Un viaggio dentro l’Assistenza, il Teatro, l’Arte, la Filosofia, la Cultura e L’Infermieristica Teatrale:
“La corsia, il palco magico dove solo le comparse diventano protagoniste:
l’Arte individuale di Comunicare, di Curare e del Prendersi Cura”

Assistenza, Teatro, Arte, Filosofia e Cultura?
Tutto insieme?

Continua a leggere

Laboratorio Residenziale di Infermieristica Teatrale (26,3 Crediti ECM): Modulo Base. 7-10 Maggio 2015

Laboratorio Residenziale di Infermieristica Teatrale (26 crediti ECM): Modulo Base

InfermieristicaTeatrale
7-10 Maggio
2015

Ex Convento delle Clarisse
Caramanico Terme (PE)

Ex Convento delle Clarisse

Venti persone (25 professioni sanitarie accreditate), una Residenza, quattro giorni e tre notti tra laboratori, uno spettacolo e un concerto. Un viaggio dentro l’Assistenza, il Teatro, l’Arte, la Filosofia, la Cultura e L’Infermieristica Teatrale:
“La corsia, il palco magico dove solo le comparse diventano protagoniste:
l’Arte individuale di Comunicare, di Curare e del Prendersi Cura”

Assistenza, Teatro, Arte, Filosofia e Cultura?
Tutto insieme?

Continua a leggere

Perché Infermieristica Teatrale

Perché Infermieristica Teatrale

L’8 Marzo prossimo è l’ultimo giorno per le iscizioni al nostro Laboratorio di fine Marzo e ieri una donna, una collega, una delle partecipanti alla nostra prima residenza, ci ha fatto un regalo, ci ha inviato questa lettera. E noi, fieri e commossi, la condividiamo. Grazie ancora!!!!

Perché Infermieristica Teatrale

Eccomi qui a spiegarvi perché. Perché Infermieristica Teatrale.

Andrea Filippini, l’ideatore di questo evento, spiega come i libri insegnino quanto il teatro sia un ottimo strumento per conoscere meglio se stessi, per imparare ad elaborare e metabolizzare le emozioni, per migliorare la relazione con gli altri, fondamentale nella professione infermieristica; perché l’ospedale è un luogo pieno di umanità, dove si provano le emozioni più belle e quelle più dolorose.

Imparare a conoscere se stessi e prendersi cura dei pazienti quindi, “perché da comparse diventino protagonisti” (cit.), grazie a questo evento che si trasforma in un importante processo di cui ci si sente parte, dopo averne fatto l’esperienza.

Ha avuto luogo a Caramanico Terme, in un ex Convento delle Clarisse attualmente gestito dall’Associazione culturale Residenze Teatrali, Re.Te. Il gruppo ideatore ed organizzatore, che ci accoglie e che ci accompagnerà in questi quattro giorni, è formato da una decina di persone, di cui tre infermieri, e si occupa di tutto, dal cibo per il corpo a quello per la mente, passando dal riordino degli spazi all’animazione delle serate aperte anche al pubblico. Ed è in queste serate e nei momenti del giorno condivisi, che avviene una sorta di contaminazione tra organizzatori e partecipanti, contaminazione di esperienze, di saperi, di pensieri, ma anche di arte che si fa suono nella serata musicale con il gruppo Banda_Larga, e teatro con il monologo “Shakespirandohamlet” di Piergiuseppe Francione.

Ma andiamo con ordine.  Continua a leggere

Prima Residenza di Infermieristica Teatrale: com’è andata?

Laboratorio Residenziale di Infermieristica Teatrale

E così è successo, è avvenuto, è stato.

Nella nostra testa il programma era valido, come il luogo e l’organizzazione.
Poi incrociavamo le dita per non incorrere in problematiche strutturali (tipo guasto al riscaldamento o all’acqua), problematiche nazionali (tipo paralisi del traffico nazionale), problematiche sanitarie (non potevamo/dovevamo ammalarci) e problematiche climatiche (tipo pioggia, neve o freddo).

Continua a leggere